Philippe Artias

Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]

Philippe Artias, “L’indomito”.                                                                                                       La mostra si è tenuta in due sedi, i Magazzini del Sale a Cervia dal 4 luglio al 29 agosto e al Convento di San Francesco a Bagnacavallo dal 12 settembre al 10 ottobre.                Una mostra dove non esistono spazio e tempo ma solamente immersione nelle opere e nei concetti di Philippe Artias.                                                                                               “Ho sempre lottato affinché gli uomini vivano liberi e felici, ecco ciò che la mia pittura deve tradurre con intensità.”                                                                                                       Ecco come Philippe Artias si presenta, arrivato nel 1976 in Italia dalla Francia e dove trova la sua vera patria, ricca di spunti iconografici, e la considerava una meta mentale. Sentì come maestri Raffaello, Cosmè Tura, Paolo Uccello e Piero della Francesca.                   La vita del nostro protagonista viene suddivisa in fasi segnate dalla sua pittura, una battaglia feroce, tra l’artista e la tela bianca.                                                                    Abbiamo così periodi di pennellata piatta alternati da corposa pittura plastica. La mostra di Cervia apre il passaggio con 12 metri della “Plage Adriatique” esposta per la prima volta in Italia, per portarci poi ad esplorare tutto il ciclo degli anni ’70, opere a pittura piatta che invitano ad entrare nella personalissima ricerca dell’equilibrio tra la forma ed il colore.        A Bagnacavallo sono state esposte opere degli anni ’80 e ‘90, dove si alternano linee-corpo, figure e colori ed in alcune opere a carboncino e pittura bianca lo spettatore sembra sentire lo scorrimento della mano di Artias libera e veloce. Sono inoltre esposti nudi, dell’ultimo periodo pittorico, estremamente dinamici e dove si è persa la necessità del volto.                                                                                                                                   Lydia Artias, vedova del maestro da otto anni, ci rivela che il Maestro pitturava cose senza perdono, e nemmeno esso stesso si perdonava, perché secondo lui perdonare era una scommessa sul reale, la forza del Sé e del colore, una battaglia tra segno e colore.

Federica Pasini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *