Corrado Cagli

Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]

UNA METAMORFOSI CONTINUA

Presso il Palazzo Mauro De Andrè, a Ravenna dal 27 agosto al 13 settembre è in mostra, per il centenario della nascita, con oltre 100 opere Corrado Cagli maestro di “Una metamorfosi continua”.                                                                                                            Il Maestro usa un linguaggio diretto e immediato, tradotto in solenni figurazioni e sofisticati cromatismi tonali. Alla tecnica ad affresco preferisce la tempera encaustica su tavola.             Nella retorica del regime fascista, Cagli coglie il rimando alla classicità.                             Alla fine della guerra si trasferisce a New York dove conosce Balanchine responsabile del Ballet Society, e lì comincia la sua attività da scenografo e lì propone la sua catalizzazione tra passato e presente, tra la realtà del sogno e la realtà dell’immagine.                           Nel ’49, si cala nell’astratto elaborando un suo codice, un suo linguaggio mantenendo il suo cromatismo, con “ritmi cellulari” sperimenta la sua composizione “geometrico matematica”.                                                                                                           Sperimentando la scultura comincia ad occuparsi dei vuoti, trame di metallo animate dallo spazio che sprigiona un corpo tridimensionale.                                                                Cagli fa levitare le sue immagini in un vuoto etereo.                                                        Scarnifica il disegno facendolo divenire una valorizzazione della superficie. Precorrendo i tempi negli anni ’50 ridà valore all’ornamento, che tornerà in auge solo negli anni ’70.    Riprende la tecnica del frottage, già cara a Max Ernst.                                                     Cagli continua imperterrito a svelare ciò che la sua mente srotola nella pittura e conquistando la terza dimensione attraverso increspature cartacee, quasi un gioco tra reale e virtuale.                                                                                                                 Usando parole del celebre critico Renato Barilli: “Cagli ci ha fatto entrare in nuove dimensioni, che le si voglia intitolare al postmoderno o a qualunque altro “post” ipotizzabili per il nostro futuro.”

Federica Pasini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *